16 gennaio 2012

CANE CHE ABBAIA… MENTE!

“Un pastorello conduceva ogni giorno le sue pecorelle a pascolare.
Si annoiava molto e così decise di fare uno scherzo a tutta la gente del villaggio.
-Aiutoal lupo al lupo. Cominciò allora a gridare con quanto fiato aveva in gola
Tutti i contadini accorsero armati di forconi e randelli, ma quando arrivarono nel grande prato non videro neanche l'ombra del lupo. Il pastorello rideva a crepapelle :
- Era solo uno scherzo e voi ci siete cascati!!!
Qualche giorno dopo ripeté lo stesso e i contadini allarmati giunsero di corsa la prato .
Presto si accorsero che il pastorello si era giocato un'altra volta di loro.
Un giorno arrivò d'improvviso un intero branco di lupi; il pastorello cominciò a gridare disperatamente:
-Al lupo al lupo.
Ma i contadini , credendo a un altro scherzo, non si mossero più. Indisturbati, i lupi, fecero strage di pecore e agnelli.” 

Favola di Esopo

I commenti dei lettori sugli articoli postati in questo blog, od in altri, relativamente alla propria esperienza vissuta a causa od a favore dell’abbaiare dei cani, sono spesso teatro di grandi dibattiti che vedono l’alternarsi, talvolta colorito, di scambi “emotivi” tra chi il disagio lo vive come un vero e proprio malessere e chi, per contro, grazie al latrare del proprio cane si è visto salvare la vita.
Di seguito riportiamo il commento postato in un altro blog relativamente alla consueta problematica:

“SONO UNA PERSONA DISABILE AL 100% E HO UN CANE ADDESTRATO PER LA MIA SALVAGUARDIA.
CIRCA TRE ANNI FA MI PRESE UNA CRISI RESPIRATORIA GRAVE !
ACCORTOSI DI CIO’ IL MIO SANSONE ALLE 1.30 DI NOTTE HA APERTO LA PORTA DI CASA CON LE SUE ZAMPE E SI E’ MESSO A FARE CASINO PER LE SCALE RICHIAMANDO L’ATTENZIONE DEI CONDOMINI SALVANDOMI COSI DA MORTE CERTA!
COSA SI DOVREBBE FARE IN QUESTI CASI ALLORA ? DOVEVO MORIRE ?…….”


Se tutti i cani fossero utilizzati per scopi superiori, se la loro esistenza si trasformasse in una vera e propria utilità per la comunità, per i disabili, per i ciechi, per la protezione civile, per le Forze dell’Ordine, se avessero i giusti stimoli ed una corretta socializzazione con i propri simili o con le persone, forse vivrebbero le loro giornate senza scatenarsi in angosciose manifestazioni vocali.
Vista dalla “parte del cane” è sempre utile ricordare ai padroni che quando il proprio fido abbaia (grande fatica, tra l’altro, per l’animale stesso) segnala, il più delle volte, una condizione di malessere che diventa il nostro tormento! 

Un cane abbandonato nel suo inutile latrare perde ogni utilità e “credibilità”.



Tale mancanza di credibilità mette a repentaglio la vita di quelle persone che utilizzano i propri animali, particolarmente addestrati, per la loro salvaguardia.

Reputiamo pertanto i padroni dei cani, abbandonati ad abbaiare per nulla, responsabili e colpevoli di ogni omissione di soccorso scaturita dalla ormai consolidata mancanza di attendibilità .

E’ come se le sirene delle ambulanza suonassero anche quando sono ferme in deposito o quando si spostano mentre sono fuori servizio, insomma sempre.
Certamente saremmo confusi e disorientati in caso di vera emergenza!

Un intervento di salvaguardia del cane potrebbe infatti essere considerato come quel pastorello che, gridando: "aiuto… al lupo! al lupo!", non sarà più creduto quando dirà la verità.

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Originariamente postato sul vecchio blog in data 3 Marzo 2011
I vecchi commenti sono stati riportati di seguito.

-------------------------------------------------------------------------------------------------  



Commenti:
 
#1 06 Marzo 2011 - 12:16
 
Cane che abbiaia non solo mente... ma rompe i co...ni!!!
Quello che scrivi è vero, se ci fosse più civiltà ed educazione il problema non esisterebbe. Ma coì non è e l'inciviltà ed il menefreghismo  italiano ormai si vede anche in questo.
Personalmente sono esasperata... si parla di diritto dell'animale, ma dov'è il diritto dell'uomo?!!
Ti prego di continuare a scrivere... i tuoi articoli ci permettono di non sentirci soli in questo manicomio!
utente anonimo
#2 06 Marzo 2011 - 12:47
 
Dovrebbero rendere obbligatori dei corsi di addestramento!
Ho due cani ed abbaiano esclusivamente quando c'è un reale pericolo. Sono amati e tenuti in casa.
Il resto della via dove vivo è invece un delirio invivibile.
Cani lasciati fouri con -5°C, usati solo come antifurto... Leggevo nel post precedente "diritto dell'uomo", ma quale uomo? ormai questo mondo è fatto solo di bestie insensibili!
utente anonimo
#3 18 Aprile 2011 - 22:52
 
continuiamo questa battaglia per la civiltà e per il silenzio
in un paese devastato dal rumore (telefonini...)
vorrei aggiungere: notata la novità dei monitor con pubblicità 24 ore di segutio nelle stazioni e persino nele sale d'attesa delle stazioni, oltre che sui binari.
incredibile!
utente anonimo
#4 21 Aprile 2011 - 01:52
 
ottimo articolo. Ma che cavolo di guardia può fare una bestiaccia di merda che ulula e latra al ritmo di 2 abbai al secondo per ore e ore? Inaffidabilità allo stato puro. E intanto la gente subìsce la prepotenza degli stramaledetti lecca-cani, bestie sporche,pericolose,fastidiose,impestate che sono protette dal sistema più dei reperti archeologici, più dei cristiani. Ribelliamoci, protestiamo, indignamoci, sollecitiamo a gran voce le forze dell'ordine e le autorità. Non potranno ignorarci in eterno.
utente anonimo
#5 28 Giugno 2011 - 00:23
 
leggendo le varie lamentele di cani che disturbano la quite publica ,e tanta gente che passa notti insonni per la maleducazione dei proprietari che probabilmente non hanno una formazione civica sufficente perche' in questo paese la perdita di valori,il malcostume ,la maleducazione il menefreghismo mette in discussione  lo stato di diritto,e quando il rispetto delle regole di convivenza civili vengono a meno si diventa litigiosi. le regole di convivenza sono sacrosante ,chi non le rispetta va denunciato perche'le leggi esistono e vanno aplicate,per i tragressori recidivi ben venga anche la galera .dico questo perche'e' ora che questo problema dovuto ai cani che disturbano con abbaiamenti e latrati lasciati soli in cortili di pochi metri deve finire questa forma di permessivismo senza regole sta esasperando milioni di persone in italia con gravi problemi di salute  deve essere posto un limite perhe'se qualcuno si e' dimenticato e' la persona che va rispettata prima dei cani, per questa gente che insiste con il continuo disturbo ingiustificato dovuto ai loro cani sappino che non c'e' nessuna tolleranza.  
utente anonimo
#6 30 Giugno 2011 - 01:50
 
Certi padroni molto ac-cani-ti dovrebbero leggere questo articolo http://blog.libero.it/coscienzaunivers/
e poi metterlo in pratica.
 Forse così facendo potrebbe iniziare un dialogo...
utente anonimo
#7 30 Giugno 2011 - 14:59
 
in riferimento al commento numero 6 vorrei replicare dicendo che la suscettibilita'non ha nulla a che vedere con le sacrosante regole di convivenza civile che nel tempo in alcuni paesi si sono evolute a tal punto che per chi non e' abituato ,potrebbe avere qualche disagio al contatto immediato ,ma le garantisco che una volta abituati i problemi di convivenza   con quelle popolazioni sono zero.invece alcuni paesi hanno preso la strada contraria con la convinzione di conquistarsi delle liberta'o forse dei diritti ,andando a infrangere quel delicato equilibrio che consente a qualunque comunita'di poter convivere tranquillamente senza tensioni.ognuno a dei sentimenti e quando vengono calpestati e'naturale che ci siano delle reazioni.sono quelli che non rispettano il prossimo o il vicino di casa o qualunque persona che capita di incontrare che dovrebbero avere la presunzione di domandarsi , ma forse sto causando problemi a qualcuno .se il grave problema dei cani che disturbano la quiete publica e' sentito ormai si dice da circa 7 milioni di persone in italia ,e al momento e' in costante aumento con tante famiglie che chiedono aiuto  non sapendo come afrontare il grave problema di disturbo che in molti casi avviene sia di giorno che di notte con costanti abbaiamenti e latrati nelle immediate vicinanze delle proprie abitazioni che impediscono il diritto di riposare e di vivere tranquilli ,  avendo il sistema nervoso che gli sta scoppiando non mi sembra sia un problema di suscettibilita'. 
utente anonimo
#8 05 Agosto 2011 - 20:58
 
Comprendendo i legittimi sfoghi di tutti, preghiamo i nostri lettori che desiderano lasciare un commento in questo blog di rispettare il regolamento non utilizzando termini volgari od offensivi. Riteniamo che ognuno di noi possa esprimere il proprio dissenso, le proprie preoccupazioni, la propria esperienza od i propri propositi utilizzando parole misurate ancorché significative.
Auspicando in una Vostra collaborazione nella certezza di fare il bene di tutti affinchè questo blog continui ad esistere, Vi ringraziamo.
La Direzione di Vietato Abbaiare
Utente: vietatoabbaiare Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente.vietatoabbaiare